HomeInformaticaSoftware per backup automatici e sicuri. Duplicati, guida passo passo

Software per backup automatici e sicuri. Duplicati, guida passo passo

Crea e ripristina backup crittografati in pochi click ed evita di strapparti i capelli dalla disperazione!

HomeInformaticaSoftware per backup automatici e sicuri. Duplicati, guida passo passo

Software per backup automatici e sicuri. Duplicati, guida passo passo

Crea e ripristina backup crittografati in pochi click ed evita di strapparti i capelli dalla disperazione!

Crea e ripristina backup crittografati in pochi click ed evita di strapparti i capelli dalla disperazione!

N.B.: in questo post possono essere presenti link affiliazione. In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Immagina che il il tuo PC venga rubato o si rompa in modo irreversibile (autocombustione?!), perdendo tutti i tuoi documenti. Cosa faresti? Semplice: apri il software per backup automatici Duplicati e, in pochi click, ripristini i file e sei di nuovo operativo.

Se invece hai sudato freddo quando hai capito che un evento così potrebbe davvero complicarti la giornata, sappi che sei ancora in tempo a correre ai ripari! In qualche minuto da ora avrai impostato il software per backup automatici (Duplicati) ed evitare di perdere 10 Terabyte di dati come è successo a me qualche mese fa.

Duplicati è un software per backup automatici, gratutio, facile da usare e che permette la protezione con crittografia dei tuoi dati. In questa guida passo passo ti farò vedere come creare e come ripristinare un backup con questo programma.

Non è la soluzione definitiva, ma un passo consapevole e necessario per diventare sempre più consapevoli dei rischi (seppur minimi) che si corrono ogni giorno. Pronto? Iniziamo!

Perché usare Duplicati, software per backup automatici?

Perché è gratis, semplice da usare e incredibilmente leggero, efficiente e sicuro. Con Duplicati puoi scegliere quando e dove fare i backup, quante versioni conservare e – se ne avrai necessità – quando e quali singoli file ripristinare.

Come funziona il software per backup Duplicati?

Duplicati è un programma che scarichi e sta sempre acceso sul tuo PC (puoi anche metterlo su un NAS con OMV 5) che non esegue un semplice “copia e incolla” dei tuoi documenti, ma esegue dei backup incrementali di essi.

Detto molto semplicemente (poi vedremo una procedura passo passo), una volta che tu indichi al software per backup una cartella, lui:

  1. capisce il contenuto e la struttura dei documenti
  2. crea dei piccoli pacchetti di file compressi (in formato .zip) che possono essere protetti o meno con una password (cioè “crittografati” con l’impenetrabile AES 256 bit)
  3. li invia ad uno spazio locale o nel cloud.

La prima volta che farai il backup di una grande cartella (supponiamo 100gb) potrebbero esser necessarie diverse ore. Tuttavia, grazie ai backup incrementari, tutte le volte che viene modificata la cartella e Duplicati eseguirà un backup, backupperà in pochi minuti solamente i pacchetti modificati.

La logica è che il software per backup Duplicati assegna una data ad ogni file e se per 10 backup quel file rimane invariato semplicemente non lo copia, ma modifica le date ad esso assegnate. Se all’undicesima volta che il backup automatico si avvia il file è stato modificato si ha il salvataggio della modifica. Tutto questo rende i backup più rapidi e meno voluminosi.

N.B.: Duplicati non terrà sincronizzati i tuoi file con un’altra cartella (come invece fa Nextlcoud); non crea un’immagine di ripristino dell’intero hard disk (come invece fa UrBackup) né mette al sicuro documenti che si trovano sul cloud: dovrai prima scaricarli in locale.

Crea ed esegui il tuo primo backup con Duplicati

Le seguenti istruzioni sono volutamente molto descrittive, al fine di evitare quanti più fraintendimenti possibili. La procedura è molto lineare, guidata e eseguibile praticamente da chiunque abbia una minima dimestichezza con il computer. In ogni punto potrai sempre tornare indietro o andare avanti cliccando semplicemente sui numeri che ti guideranno di schermata in schermata.

Se avrai ancora dubbi non esitare a scrivermeli a fondo articolo, nella sezione dedicata ai commenti. Sarò felice di aiutarti!

Passo 1: imposta un nuovo backup

Dal menù a sinista:

  • seleziona “aggiungi backup
  • assicurati che l’opzione “configura un nuovo backup” sia selezionata
  • schiaccia “avanti“.
Aggiunta di un nuovo backup con Duplicati.

Successivamente:

  • inserisci il nome del backup (è solo a scopo identificativo per te che lo vedrai, tra eventuali altri backup, nella hompage di Duplicati)
  • assegna una descrizione più eseustiva (anche questo a solo scopo identificativo ed esplicativo per te)
  • scegli se usare la crittografia AES-256 (opzione di default) o nessuna crittografia
  • se hai scelto di crittografare inserisci la password per la crittografia
  • clicca su “avanti

La crittografia è sicuramente la scelta più sicura e ti consiglio di lasciarla attiva a meno che tu non stia backuppando i file su un disco/PC/NAS all’interno della tua rete di casa. L’assenza di crittografia permette di accedere ai file dopo che sono stati decompressi dagli .zip in cui Duplicati li ha messi, avendo così praticità per un eventuale rapido consulto.

Impostazioni generali del software di backup automatico Duplicati. La crittografia AES-256 è roba da servizi segreti americani, praticamente impossibile da hackerare con la forza bruta siccome ci sono più combinazioni possibili che atomi nell’universo!

Passo 2: scegli la destinazione del tuo backup automatico

Duplicati ti permette di selezionare davvero una vastissima gamma di luoghi dove fisicamente saranno memorizzati i tuoi backup automatici. In questa schermata quindi:

  • seleziona il tipo di archivio, dal menu a tendina. Tra i più salienti:
    • cartella o dispositivo locale se desideri selezionare una cartella sullo stesso PC dal quale sta andando duplicati (utile se si ha un secondo disco)
    • ftp se hai un NAS o un router/modem con HDD esterno attaccato tramite porta USB, inserendo l’indirizzo IP, la porta e le credenziali di accesso
    • Dropbox (inserendo il codice di autorizzazione che è possibile generare cliccando sulla scritta “authID”)
    • Google Drive (sempre usando l’authID)
    • Microsoft One Drive (sempre con authID).
  • schiaccia “avanti“.

Ci sono anche le impostazioni avanzate, ma non sono necessarie se non per particolari intenti.

Duplicati: selezione della cartella di destinazione del nostro backup automatico.

Passo 3: selezionare la cartella sorgente

Molto semplicemente, in questa fase:

  • dovrai selezionare le cartelle che vuoi raggruppare in questo backup
  • potrai scegliere di escludere in automatico particolari cartelle o file (filtrando per nome, dimensione, estensione, temporanei, nascosti, ecc…).

Ricorda: Duplicati permette di impostare e gestire contemporaneamente multipli backup di cartelle diverse. Per questa ragione ti cosiglio di fare diversi backup per distinguere, per esempio, i file di lavoro da quelli personali (a loro volta suddivisibili se molto stratificati).

Selezione delle cartelle da includere nel backup di Duplicati. Filtri avanzati permettono una estrema flessibiltà per non includere, per esempio, file nascosti o temporanei, oppure file che includono una particolare parola nel nome.

Passo 4: pianifica quando fare i backup automatici

Questa è la parte che ritengo più gratificante in quanto si ha una effettiva percezione di quanto Duplicati sia funzionale. In questa schermata:

  • potrai scegliere se eseguire automaticamente (consigliato) o manualmente i backup
  • se eseguiti in automatico potrai scegliere di farlo ogni X minuti, ore, giorni, settimane, mesi e persino anni
  • clicca “avanti” quando hai deciso la programmazione (potrai sempre modificarla in ogni momento).

N.B.: in riferimento all’orario di eseguzione, con la dicitura anglofona “PM” si intende la fascia orararia che va dalle 12:00 (mezzogiorno) alle 24:00 (mezzanotte); “AM” indica le restanti 12 ore.

Software per il backup automatico eseguito con Duplicati – in questo caso – ogni giorno alle 13:00

Passo 5: scegli quanti backup tenere

In questa schermata finale dovrai:

  • decidere le dimensioni dei pacchetti (“dimensione volume“) che Duplicati creerà sulla macchina sottoforma di file compressi (con estensione .zip), di default 50 MByte. N.B.: come indicato, questo valore può esser fuorviante e perciò non va modificato se non dopo aver letto la sua descrizione
  • selezionare quanti e quali backup conservare:
    • mantenendoli tutti
    • elimando quelli più vecchi tot giorni, settimane, mesi, anni
    • mantenenendo un numero specifico di backup
    • conservandoli in modo intelligente (cioè tutti nei precedenti 7 gg, poi 1 per ogni settimana per le prime 4 settimane passate e 1 per ogni mese fino a distanza di un anno)
    • conserverli in maniera personalizzata (indicando per esempio di voler conservare un backup per ogni settimana dei due anni passati)
  • cliccare “salva“.

Siccome i backup sono incrementali, ogni volta che viene effettuato un backup non verrà occupato uno spazio ingente neppure se selezionerai “mantieni tutti i backup”. Tuttavia un ottimo compromesso è la conservazione intelligente.

Opzioni filani di Duplicati. Essenzialmente in questa schermata è possibile indicare ogni quanto cancellare i backup vecchi.

Passo 6: esegui il backup

A questo punto ti troverai nella home di Duplicati, questa volta con elencato a centro pagina il backup (o meglio: le impostazioni per il backup) che hai appena creato.

Come già detto il primo backup è quello più lungo da seguire e per questo ti consiglio di avviarlo subito, al fine di vedere che la procedura funzioni.

In riferimento al backup che hai appena creato (e per i futuri che vorrai avviare manualmente), clicca quindi su “esegui ora“.

Nel rettangolo con bordino verde in alto alla pagina potrai vedere come procede il backup, decidendo anche di interroperlo per continuarlo successivamente.

Sempre da questa pagina, cliccando sulla freccettina blu a destra del nome dell’impostazione di backup, potrai modificare ogni singolo aspetto (e anche di più) che hai settato nei passaggi precedenti.

Schermata Home di Duplicati. Da qui si possono vedere le impostazioni di tutti i backup creati e avviarli o interromperli manualmente. In figura un esempio di backup: 95 gb di file della sorgente originale e “solo” 92 per ben 8 versioni. Ogni giorno, alle 2:00 viene eseguito un nuovo backup incrementale della durata di pochi minuti.

Come ripristinare i backup (o i singoli file/cartelle)

Se dovesse succedere un disastro (non te lo auguro) sei comunque in una botte di ferro.

Come prima cosa da fare, se hai tra le mani un computer nuovo, dovrai reinstallare Duplicati. Se invece il PC è lo stesso tanto meglio. In ogni caso ci vorranno pochi click.

Passo 1: ripristinare i backup (anche se il tuo PC originale è rotto)

Accedere a Duplicati e selezionare la voce “ripristina“, dal menu a sinistra.

A questo punto dovrai selezionare i file potendo scegliere se ripristinare:

  • da dei file di backup (soluzione da seguire se il tuo PC si è guastato e ora stai ripristinando i file con una nuova installazione di Duplicati, su una nuova macchina)
  • da un file di configurazione (se hai esportato le impostazioni di backup che hai creato nel precedente paragrafo li puoi importare in questa nuova copia di Duplicati, facilitandoti il lavoro)
  • selezionando direttamente la voce del backup in memoria al programma (possibile solo se il programma è lo stesso con il quale hai creato i backup originali).

Clicca poi “avanti” per andare alla prossima schermata.

Duplicati, ripristino dei backup.

Passo 2: selezione dei file/cartelle da ripristinare

Puoi selezionare:

  • la versione del backup da ripristinare
  • le cartelle o i singoli file da recuperare

Infine clicca “continua“.

Ripristino dati con Duplicati. È possibile selezionare i singoli file o cartelle da ripristinare .

Passo 3: opzioni finali e avvio del ripristino

Ultimi click finali prima di ripristinare. Qui potrai:

  • scegliere dove ripristinare le cartelle (nella loro posizione originale o diversa)
  • decidere se sovrascrivere gli eventuali documenti identici che sono ancora presenti nella cartella di destinazione
  • inizializzare la procedura cliccando “ripristina“.
Anche in questo caso la procedura è piuttosto guidata e semplice da seguire per poter finalizzare un ripristino dei file backuppati anche in una diversa posizione rispetto a quella originale.

Ultimi suggerimenti finali

Dal menu impostazioni puoi cambiare alcune cose tra cui:

  • mettere una password per proteggere l’accesso alla pagina web di Duplicati
  • impostare il tema scuro e modificare qualche altra cosa, ma questo è un dettaglio.
Schermata delle impostazioni di Duplicati.

Come ultimo consiglio ti vorrei ribadire l’importanza di non avere un solo backup, ma di averne 3, in particolare:

  1. uno è la copia originale dei documenti sul tuo PC
  2. il secondo è un backup online creato con un software per backup automatico come Duplicati (su un disco diverso da quello dove sono posti i documenti originali)
  3. l’ultima è un backup freddo offline, cioè sempre staccato dalla rete internet se non quando stai copiando i documenti (questo è di vitale importanza per evitare la perdita dei dati da un ransomware).

Tutto questo può sembrarti eccessivo, ma – soprattuto per documenti importanti – qualche centinaio di euro (a dire tanto) sono un investimento quasi irrisorio per mettere al sicuro i tuoi dati praticamente per sempre.

Come sempre, per dubbi e domande rimango a tua disposizione nella sezione commenti!

Ranierihttps://www.ranierisdesk.com/
Mi chiamo Ranieri Domenico Cornaggia, sono laureato in medicina e mi piace la tecnologia, il fitness e gli scacchi. Amo gli animali e le sfide!

Offerte in tecnologia, quando vuoi tu, realmente convenienti.

Dimentica l'ansia del Black Friday. Ogni giorno aiutiamo amici e lettori del blog a risparmiare sul loro prossimo acquisto in tecnologia.

Un solo canale Telegram per tanti prodotti realmente convenienti. Selezioniamo personalmente ogni offerta.

Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
9 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

Articoli correlati

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie leggi la cookie policy.

Collabora con noi!

Hai una storia o un'idea da raccontare? Lettore di passaggio o creator, diffondi la tua idea!
Contattaci
Chiudi
Collabora con noi!