HomeTempo liberoKintsugi (kintsukuroi): cos'è e come farlo a casa

Kintsugi (kintsukuroi): cos’è e come farlo a casa

Come trasformare qualche cosa di rotto in un oggetto unico!

HomeTempo liberoKintsugi (kintsukuroi): cos'è e come farlo a casa

Kintsugi (kintsukuroi): cos’è e come farlo a casa

Come trasformare qualche cosa di rotto in un oggetto unico!

Come trasformare qualche cosa di rotto in un oggetto unico!

N.B.: in questo post possono essere presenti link affiliazione. In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Tazza o piatto in ceramica rotto? Rendilo unico con la tecnica del kintsugi (si pronuncia “kin-tsughi”). Un po’ di colla bicomponente e delle polvere di mica oro per trasformare un rifiuto in un pezzo d’arte. Pochi minuti per un risultato unico (anche se imperfetto!).

Io ho riparato una tazza, e tu, che cosa hai intenzione di riparare? Fammi sapere nei commenti se la tecnica ti riesce o meno!

Kintsugi, cos’è e cosa significa

Kintsugi (o Kintuskuroi) è una tecnica giapponese di riparazione di vasellame rotto. I cocci erano riposizionati e incollati nel formare l’oggetto andato in frantumi con una miscela di metallo prezioso, spesso oro ma anche argento. Oggigiorno vi sono tanti kit per il kintusgi, a base di colla epossidica, per la sua realizzazione anche a casa.

In giapponese kintsugi (kintuskuroi) significa “unire con l’oro” (da “kin”, oro e “tsugi”, riunire, riparare). L’oggetto che ne deriva è quindi impreziosito, oltre che di nuovo funzionale. La metafora del kintsugi è spesso quindi usata quando si parla di resilienza, la capacità di resistere e superare gli eventi avversi.

Non sono un cultore del mondo giapponese (come invece lo è il mio amico Yuri), ma devo dire che anche questa volta sono rimasto affascinato dalla capacità di veicolare in un semplice gesto un concetto molto potente. Un altro esempio di cultura giapponese è il libro Presentation Zen, di Garr Raynolds, che mostra come lo zen si può applicare a tanti concetti, tra cui l’arte di comunicare.

Kintsugi, come fare per farlo in casa

Il procedimento, piuttosto semplice, necessita di alcune accortezze per ottenere un risutlato finale buono. Putroppo non ci sono secondi tentativi, ma posso assicurarti che il risultato finale e la soddisfazione alla fine sarà tanta. A guardare i video di chi li fa, sembra anche facile, ma poi ti accorgi che la realtà è leggermente diversa e.. rischi di incollare tutto male (così almeno ho rischiato di fare io!).

Kintsugi: cosa serve, dalla colla ai materiali

Oltre al pezzo di vasellame rotto, per fare il kintsugi in casa avrai bisogno di:

  • colla epossidica bicomponente (quella che viene venduta come speciale “colla per kintsugi” non ha nulla di diverso)
  • polvere di mica dorata o color argento (da mischiare alla colla)
  • un pezzo di cartone (da usare come tavolozza)
  • un pezzetto in legno (per stendere e mescolare la colla)
  • pennello (per spolverare alla fine il composto con altra mica).
Ultimo aggiornamento il 15 Giugno 2021 07:09

Parafrasando ciò che mi diceva Umberto “Umbi”, il mio simpatico istruttore di palestra, per enfatizzare la difficoltà di un esercizio:

può sembrare complesso, ma non è semplice

Lui si riferiva al peso, ma il concetto è lo stesso: a scriversi è complesso, ma a farsi bene… anche di più! Bando agli scherzi, se ci sono riuscito io che ho rischiato di incollarmi al tavolo, puoi riuscirci anche tu! Se non altro ti divertirai molto, promesso!

Il procedimento

Per prima cosa prepara tutto l’occorrente sul tavolo. Assicurati che le superfici da incollare siano pulite e asciutte.

Manico e tazza sono stati in lavastoviglie!

Successivamente, versa su un pezzo di cartone un po’ di polvere di mica. Attenzione: questa roba è davvero molto volatile. In generale non è tossica, ma come ogni cosa a questo mondo potrebbe causare delle reazioni fastidiose nel caso dovesse finirti negli occhi o dovessi inalarla.

A questo punto, se non ti ho terrorizzato e sei ancora deciso, dovrai versare un po’ di colla bicomponente a fianco al mucchietto di polvere di mica. Mischia prima i due componenti della colla, successivamente la mica dorata. Attenzione: se come me userai una colla a presa rapida avrai circa 60 secondi prima che tutto si indurisca. Nell’evenienza di dover incollare estese aree di frattura, fai un pezzo per volta, se possibile. In alternativa procurati una colla che ti lasci qualche minuto in più per incollare il tutto.

Apponi il composto in abbondanza, aiutandoti col il pezzetto di legno. Aspetta il tempo necessario affinché sia quasi indurita del tutto e a quel punto applica un ulteriore spolverata di polvere con un pennello.

Infine, controlla che ci sia sufficiente colla a coprire ogni fessura. Se così non fosse applicane ancora. Così facendo eviterai allo sporco di accumularsi in posti difficile da pulire. Rimuovi con uno straccetto bagnato (o con un altro pezzetto di legno) eventuali residui. Non preoccuparti di ottenere un risultato perfetto: hai ottenuto un oggetto unico e la prossima volta potrai migliorare la tecnica!

Ultima spennellata di mica dorata!

Quando l’imperfezione diventa una firma

Che ti piaccia o no, alla fine avrai ottenuto un pezzo unico che potrai usare ancora. Come unica accortezza non potrai più mettere il pezzo in lavastoviglie, ma questo è un piccolo prezzo da pagare per avere un oggetto così.

Che ne pensi? Io sono contento del risultato e la prossima volta m cimenterò nell’incollare una caraffa andata – quasi letteralmente – in mille pezzi. Fammi sapere nei commenti qui sotto cosa sei riuscito a riparare con questa antica arte, il kintsugi!

Ranierihttps://www.ranierisdesk.com/
Mi chiamo Ranieri Domenico Cornaggia, sono laureato in medicina e mi piace la tecnologia, il fitness e gli scacchi. Amo gli animali e le sfide!

Offerte in tecnologia, quando vuoi tu, realmente convenienti.

Dimentica l'ansia del Black Friday. Ogni giorno aiutiamo amici e lettori del blog a risparmiare sul loro prossimo acquisto in tecnologia.

Un solo canale Telegram per tanti prodotti realmente convenienti. Selezioniamo personalmente ogni offerta.

Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

Articoli correlati

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie leggi la cookie policy.

Cerchiamo collaboratori!

Hai una storia o un'idea da raccontare? Lettore di passaggio o creator, diffondi la tua idea!
Contattaci
Chiudi
Cerchiamo collaboratori!