Ubiquiti LiteBeam M5 23 dBi: configurazione passo a passo

Come condividere un solo abbonamento internet tra a due abitazioni distanti fino a 15km

8
1068

Con questa guida passo a passo capirai come configurare due antenne Ubiquiti LiteBeam M5 per estendere la tua rete internet fino a 15 km e collegare così due (o più) abitazioni.

Questa soluzione sfrutta il principio della connessione point to point (sfruttando la tecnologia airMAX) e ha il grande vantaggio di fornire internet a una seconda abitazione evitando di dover sottoscrivere un ulteriore abbonamento dati (quando è possibile farlo!).

Materiale necessario

Per effettuare la connessione point to point e condividere così la tua connessione internet ti serviranno:

Configurazione delle Ubiquiti LiteBeam M5

La procedura può sembrare complessa, ma se seguirai attentamente i passaggi ci riuscirai. Attenzione a non confondere i paragrafi e all’auto completamento del pc/mac delle password.

Passo 1: configurare la trasmittente

Monta e collega l’antenna

  1. Monta la prima antenna (non servono viti, tranne che per stringere la fascetta al palo)
  2. attacca l’alimentatore della Ubiquiti Litebeam M5 alla presa
  3. collega l’antenna al suo alimentatore, usando il tramite cavo ethernet e la porta PoE (attenzione a non confondersi con l’altra, perché solo questa veicola dati e corrente)
  4. collega il router (o switch o modem) all’alimentatore della antenna con un secondo secondo cavo ethernet, usando la restante porta ethernet.

Configura il software

  1. Con un computer (o qualunque altro dispositivo), apri il browser e digita nella barra degli indirizzi “192.168.1.20”. Ti apparirà la schermata per il setup dell’antenna che ti richiede le credenziali di accesso. Inserisci (senza virgolette):
    • nickname: “ubnt”
    • password: “ubnt”
      Premi invio
  2.  Recati nella schermata “system“:
    • aggiorna il firmware all’ultima versione e aspettate che si riavvii. Se fallisce puoi scaricarlo manualmente da qui. Conserva questo file perché dovrai usarlo anche per la seconda antenna
    • Cambia nome e password dell’amministratore (vi servirà per accedere, come da passo 1, al posto di “ubnt”).
    • cambia il nome al dispositivo in modo da capire che è quella che hai in casa (per esempio: “trasmittente”)
  3. nella schermata “wireless” e quindi cambia i seguenti valori:
    • wirless mode: access point
    • WDS: abilitato
    • inserite un nome SSID e una password (quest’ultima la inserite nel fondo della schermata). Annotatevi questi valori perché sono da settare in modo identico anche nella ricevente.
      Cliccate “applica“.
  4. nella schermata “Network” modificate:
    • IP adress: 192.168.1.2
      cliccate “applica“.

Ecco alcune immagini che, a parte alcuni dettagli diversi, ti saranno di aiuto.

E la prima antenna “trasmittente” è fatta. Puoi ora posizionarla definitivamente nel suo punto dove vedrà in linea d’aria la gemella che invece configureremo come segue.

Passo 2: configurare la ricevente

Monta e collega l’antenna

I primi 3 passaggi sono identici a quanto fatto sopra.

  1. Monta la seconda antenna
  2. attacca l’alimentatore della Uniquiti Litebeam M5 alla presa
  3. collega l’antenna al suo alimentatore, usando il tramite cavo ethernet e la porta PoE (attenzione a non confondersi con l’altra, perché solo questa veicola dati e corrente)
  4. attacca direttamente l’antenna a un pc, tramite porta e cavo ethernet. Questo ti servirà per configurarla.

Configura il software

  1. Disattiva il wifi e assegna un indirizzo ip statico al computer (guida Mac, guida Windows) usando i seguenti parametri:
    • indirizzo ip: 192.168.1.10 (al posto di “10” anche un altro valore, basta che non sia “20”)
    • subnet mask (maschera di sottorete): 255.255.255.0
    • gateway predefinito (router): 192.168.1.1
    • DNS: 192.168.1.1
  2. apri il browser e digita nella barra degli indirizzi “192.168.1.20”. Ti apparirà la schermata per il setup dell’antenna che ti richiede le credenziali di accesso. Inserisci (senza virgolette):
    • nickname: “ubnt”
    • password: “ubnt”
      Premi invio
  3. nella schermata “system“:
    • aggiorna all’ultima versione facendo l’upload del file che hai scaricato per la prima antenna.
    • cambia il nome al dispositivo, per esempio in “ricevente”
    • cambia le credenziali di accesso
  4. nella schermata “wireless” modificate:
    • wirless mode: station
    • WDS abilitato.
    • inserite la stessa SSID e password che avete usato nella trasmittente.
      Cliccate “applica”.
  5. nella schermata “Network” cambiate:
    • IP adress: 192.168.1.3
      Cliccate applica.

Come per il passo 1, allego delle immagini.

Monta la seconda antenna nel posto definitivo, nella seconda abitazione, in direzione della prima e riavvia il router della trasmittente e le singole antenne (nella schermata system“, in basso a sinistra).

Passo 3: verificare la connessione

  1. Collega il pc alla ricevente, proprio come al passo precedente, e digita nella barra degli indirizzi del browser “192.168.1.3“. Fai l’accesso con le nuove credenziali
  2. nella schermata “main” verifica che nella colonna di destra vi sia scritto “connessioni: 1” e che, in fondo alla pagina, il grafico WLAN0 mostri delle linee non piatte. Se il segnale:
    • non funziona controlla i passaggi e se hai problemi scrivilo qui sotto nei commenti: sarò felice di aiutarti!
    • è debole puoi migliorare l’allineamento delle antenne usando l’opzione apposita (in alto a destra, “strumenti” e “allinea antenna”)
    • funziona bene stacca il pc, reimposta l’ip su dinamico, abilita il wifi e attacca un router al suo posto che genererà una sotto-rete.
Schermata “main”, ricevente.

FAQ

Tutto ciò è legale?

Si, la procedura è a norma di legge (pertinenti al decreto legislativo numero 259 del 2003).

È pericoloso per la salute?

No. Il segnale wifi alle quali lavorano queste antenne è un’onda elettromagnetica con una energia molto al di sotto degli attuali valori ritenuti pericolosi per l’uomo. Sebbene sia possibile trovare studi che dimostrano la nocività di tali onde, fonti auterevoli concludono che non vi sono dati sufficienti per poter affermare che il segnale wifi sia dannoso per la salute.

Perché usare proprio la Ubiquiti Litebeam M5?

Nonostante la potenza possa sembrare eccessiva, vi sono due considerazioni che fanno di Ubiquiti Litebeam M5 (e non un’altra “meno potente” o “di un’altra marca“) l’antenna ideale per “collegare due abitazioni”:

  1. maggiore affidabilità del marchio: Ubiquiti è specializzata per applicazioni aziendali e industriali, contrariamente ad altre marche (Dlink e Netgear, per esempio) che si rivolgono più a un pubblico consumer.
  2. il prezzo: a circa 55 euro offre prestazioni e affidabilità di gran lunga superiori ad altri modelli il cui costo si discosta di poco.

Non sono sicuro che le due abitazioni “si vedano”, come fare?

Per sapere se il collegamento che avete in mente è possibile, basta collegarsi a al sito web Ubiquiti, indicare il modello di antenna che si vuole usare (nel nostro caso LiteBeam M5 23 dBi) e immettere le posizioni delle abitazioni.

Qualcuno può intercettare il segnale delle antenne?

No, questo perché la connessione è nascosta e criptata da password.

Il collegamento è stabile, che qualità ha?

In 2 anni il collegamento mi si è interrotto solo 2 volte, sempre in seguito ad una improvvisa interruzione di corrente.

La velocità di trasmissione dati dipende dalla distanza e dagli ostacoli interposti, ma in genere ha sempre una altissima efficienza dimostrando valori nei test superiori a quanto dichiarato. Per la Ubiquiti Litebeam M5 è di circa 50mbps in up e 50 mbps in down.

Voglio collegare due abitazioni a più di 15 km, posso?

Ubiquiti offre davvero una vasta gamma di antenne, tutte con una determinata potenza e quindi portata. Basta scegliere solo il modello giusto e valutere i costi/benefici.

Il segnale si è interrotto, che faccio?

Verificate quale antenna abbia il problema, cercando di collegarvi ai relativi indirizzi ip. Al 99% si tratta della ricevente che ha perso le impostazioni in seguito a un blackout di corrente improvviso.

Verifica che ogni cavo sia ben inserito e se nemmeno questo risolve, resetta l’antenna schiacciando con una graffetta il pulsante posto sull’antenna o sull’alimentatore per 10-20 secondi (attenzione che si senta il “click”).

Infine configurala nuovamente secondo i paragrafi “passo 1” o “passo 2”.

Conclusioni

Se questa guida ti è stata utile, o non hai capito qualche punto, ricorda che puoi sempre farcelo sapere nei commenti qui sotto!

8 Commenti

  1. Ciao
    Una semplice e banale info: posso usarla per amplificare/estendere il segnale dal comune ruoter fornito dall’operatore in uno spazio aperto di circa 500 mt di raggio? È facile configurarla?

    • Ciao Fabrizio!
      L’antenna ha la modalità access point e una portata ottima, ma ha un raggio molto polarizzato. Osservando l’immagine a pagina 3 del manuale ufficiale della Litebeam LBE m5 vi è una modalità che permette di usarla per coprire un’area differente, ma comunque non circolare.
      Quello che io farei è l’acquisto multiplo di questo prodotto che copre in teoria fino a 250 metri.
      500 metri di raggio sono una bella area, difficile da coprire con una sola antenna! La configurazione è comunque molto facile, addirittura guidata tramite app.

  2. Io dal client non riesco a vedere AP ma non è che wps la rente trasparente e non è necessario? La distanza comunque è 5km.
    Quando faccio il servery mi trova reti anche più lontane

    • Ciao Manuele!

      Per client intendi l’antenna che dovrebbe fare da ricevente? L’opzione WPS permette di aggiungere un ulteriore livello di sicurezza al sistema (credo che serva per evitare che altri captino il segnale generato dalla trasmittente e si inseriscano).

      La distanza di 5 km é abbondantemente sotto il minimo range dichiarato. Vi sono ostacoli nel mezzo (alberi, abitazioni, colline)?

      Per toglierti in dubbio potesti comunque disabilitare momentaneamente il WPS e vedere se così lo vede.
      Sennò magari ricontrolla di aver impostato la trasmittente nella modalità corretta.

    • Ciao!

      Secondo quanto riportato a pagina 5 della guida rapida alla configurazione della antenne (consultabile qui) i 3 led (sia su ricevente che trasmittente) indicano:

      – se è accesa

      – presenza di connessione wifi

      – presenza di connessione ethernet

      Questa ultima dovrebbe lampeggiare durante il trasferimento dati!

  3. Salve è possibile usarla per collegarmi al router fastweb che ho in cucina e il pc in camera di sopra? O necessito di due antenne?

    • Salve!
      Quello che cerca di fare, se ho ben capito, é collegare un PC alla rete LAN che non arriva al piano superiore, giusto? In tal caso una sola antenna, settata come access point (AP) collegata al router, potrebbe generare un segnale più potente. Usarne due come nella guida sarebbe possibile, ma va detto però che queste sono antenne pensate per l’esterno. Posizonandone una sola all’esterno sul muro dell’abitazione potrebbe essere un’ulteriore soluzione, ma io le consiglierei l’acquisto di un WiFi estender da interno o, se il pc e il router sono sotto lo stesso contatore elettrico, degli adattatori powerline.
      Due adattatori powerline veicolano il segnale internet sfruttando la rete elettrica (non mi chieda come). Sono di semplice configurazione e alcuni generano anche un segnale wifi (oltre che avere un attacco ethernet). Ne può usare molti, collegando praticamente ogni cosa!
      Mi faccia sapere!

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here