Leonardo
Mi chiamo Leonardo Cornaggia. Amo la natura, ma le mie più grandi passioni sono gli animali e il fai da te.
Elettronica Fare FPV con poco: guida introduttiva

Fare FPV con poco: guida introduttiva

N.B.: in questo post possono essere presenti link affiliazione.

In questo articolo partiremo dalla definizione di FPV per poi approfondire questo argomento molto interessante sia che tu sia intenzionato a costruire e pilotare un quadricottero sia un qualsiasi altro mezzo radiocomandato. Scoprirai che cosa ti serve effettivamente per divertirti (basta poco!).

Che cosa è l’FPV?

Sicuramente questa non è la prima volta che hai letto questa sigla. Da quando ha preso piede il mondo dei quadricotteri e in generale dei multi rotore, siamo stati inondati di pubblicità e all’improvviso tutti lo praticavano.

Per capire che cosa sia, iniziamo a spiegare che le tre lettere FPV stanno a designare le parole First Person View, che tradotto significherebbe una cosa del tipo: “visione in prima persona“.

In poche parole l’FPV è il prendere una barca, auto, aero, elicottero o quadricottero radiocomandato, incollargli su una telecamera che trasmetta in diretta e, appunto, pilotarlo guardando attraverso uno schermo quello che la telecamera sta trasmettendo.

Ma io non sono un pilota di droni!

Prima di tutto inizio col dirti che per divertirsi pilotando da remoto, non serve un multi rotore; in seconda battuta: il termine drone tecnicamente designa o un piccolo veicolo radiocomandato che funge da bersaglio nelle esercitazioni militari o un aereo senza pilota.

La maggior parte dei multi-elica RC che la gente usa è dotata di tecnologia in grado di rilevare vari parametri esterni, tipo l’altitudine, e grazie a questi dati, sono capaci di non schiantarsi al suolo per un errore del pilota. Se sei interessato a questi uccelli meccanici, puoi dare un’occhiata a questa semplice guida su come assemblare un quadricottero.

Nessuno fa FPV con una macchinina

Giustamente se ci limitiamo a istruirci attraverso la televisione e il sentito dire, la nostra conoscenza in materia di qualsiasi cosa sarà in balia delle mode e di chi ama comandare la gente come un burattinaio.

Perciò dopo aver finito di leggere per intero questo articolo, cerca su google il campo di aeromodellismo più vicino a te e recatici il prima possibile!

Scommetto che imparerai molte cose che neppure sognavi, come ad esempio il fatto che “il mettere una telecamera su un aeroplano radiocomandato” era una cosa che si praticava da molto prima che le parole “drone” o “DJI Phantom” fossero sulla bocca di tutti.

Cosa mi serve per cominciare?

Direi con molta probabilità che con 40 euro ti compri tutto quello che serve per iniziare. Perciò munisciti di carta e penna, che adesso facciamo la lista della spesa…

Per prima cosa scegli il tuo mezzo, che sia una barca o una macchina, non guardare le dimensioni, infatti tu la guiderai attraverso un monitor.

Seconda cosa: ti serve una telecamera per fpv. Non preoccuparti se non hai una laurea in telecomunicazione, per procurartene una che fa al nostro caso, basta che cerchi in internet “kit per fpv” e per magia troverai molti articoli interessanti e a basso costo.

Inizia da autodidatta

Adesso che hai tutto il materiale devi imparare a montarti da solo il tuo modello, sembrerà scontato, ma imparare da soli a montarsi il proprio modello è il miglior modo per crescere in questo campo.

Non preoccuparti se farai dei pasticci, tutti possono sbagliare, l’importante è migliorare e riuscire a superare gli ostacoli.

Per riuscire in questo, ti consiglio inoltre di iscriverti a qualche forum di modellismo, sia a livello nazionale o anche a livello internazionale (la conoscenza dell’inglese è necessaria).

Trasformati in un pilota e… meccanico

Non importa se sono passate delle settimane prima che tu potessi avere un modello che funziona, ora tutto quello che ti separa dal coronare il tuo sogno è solamente il trovare il posto dove guidare.

Non ti dirò una bugia, ma anche se hai scelto di fare FPV con una macchinina elettrica, dovrai inizialmente imparare a pilotarla e a saper aggiustare i vari guasti che si presenteranno ogni volta.

Dunque oltre a migliorare le tue capacità di pilotare una barca o un piccolo quadricottero, imparerai a ripararli, trasformandoti in un meccanico.

Tutti al parco

Non dobbiamo nasconderci quando ci divertiamo! Cerchiamo comunque un luogo che sia tranquillo e poco affollato, escluderei le piazze e le strade, potresti cercare invece nei grandi parcheggi dei centri commerciali (quando sono chiusi).

Se non sai dove poter pilotare il tuo bolide, potreste sempre iscrivervi al campo di aeromodellismo della vostra città, così da trovare sia il luogo adatto, ma anche nuovi amici e tanta esperienza.

Considerazioni finali

Prima di augurarti un buon volo, ti ricordo che questo hobby è soggetto a leggi e il non rispettarle comporta oltre a delle sanzioni anche il sequestro del mezzo.

Non spaventarti, nessuno ti odia, è solamente che ormai gli incidenti sono all’ordine del giorno e per evitare questo la legislazione è ricorsa ai ripari, emanando leggi fatte su misura.

Per dubbi e curiosità puoi contattarmi direttamente con un messaggio qui sotto, nei commenti!

Leonardo
Mi chiamo Leonardo Cornaggia. Amo la natura, ma le mie più grandi passioni sono gli animali e il fai da te.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Potrebbero interessarti