Garmin Vivoactive 3: recensione e guida all’acquisto

0
Garmin-Vivoactive-3

Dopo essere passato da Microsoft e Tom Tom, eccomi finalmente arrivato a Garmin. Più nello specifico, dopo diverse ricerche valutando funzioni offerte, comodità, praticità e anche il prezzo, eccomi qui a dirvi le mie impressioni dopo diversi mesi di utilizzo del Garmin Vivoactive 3, fitness watch, ma non solo fitness.

Ricerca e valutazioni

La ricerca del modello giusto per me si è basata su dei punti da me ritenuti fondamentali, ma andiamo con ordine.

Senza trascurare troppo i competitor di Garmin, fin da subito mi sono indirizzato su uno dei loro prodotti. Il perché è presto detto: nessuno ha un sistema di condivisione e analisi dei dati completo, coinvolgente e graficamente accattivante e intuitivo. In altre parole, l’app Garmin Connect e tutto l’ambiente Garmin permette di rendere decisamente migliore l’esperienza d’uso, anche dell’orologio stesso. Ecco dunque come mai la mia scelta è ricaduta su questo brand.

Da questo punto in poi mi sono basato su delle valutazioni tecniche, tenendo sempre sott’occhio il rapporto funzioni-offerte/prezzo.

Prima di tutto desideravo che il mio orologio fosse resistente e fatto in modo da poter durare nel tempo. Per questo motivo, mi sono indirizzato su un Garmin che avesse impermeabilità e cinturino intercambiabile.

Poi, parlando di prestazioni, gli aspetti per me più necessari sono: presenza del modulo GPS integrato e sensore cardiaco.

A questo punto, seguendo più recensioni possibili online, dai siti di e-commerce, ai blog specializzati, ai video su YouTube, sono arrivato alla conclusione: il mio prossimo fitness watch sarebbe stato il Garmin Vivoactive 3.

Garmin Vivoactive 3: un grande fitness watch

Questo orologio ha, fin dal primo sguardo, un punto di forza non troppo trascurabile. Mi riferisco al suo aspetto. Soprattutto la versione con cornice in metallo argenteo, risulta un orologio piacevole da vedere. Inoltre, se associato a un quadrante (tutti intercambiabili) a lancette, ecco che diventa un dispositivo che esteticamente non ha nulla di invidiare a orologi in quanto tali.

Garmin Vivoactive 3

Quadranti (facewatch) intercambiabili e sensore cardio sono solo alcuni dei suoi punti di forza.

Lo considero un punto di forza perché, in questo modo, sia durante lo sport, ma anche durante un evento in cui è necessario presentarsi eleganti, ecco che ci si può presentare senza avere al polso qualcosa o di ingombrante o che palesemente si presenta come un orologio sportivo.

Una cosa che fino a prima di provarlo lo ritenevo un qualcosa in eccesso e avrei preferito non avere è il touch screen. Garmin Vivoactive 3, infatti, è dotato di uno schermo reattivo e molto sensibile. Pensavo che ciò avrebbe causato una durata nettamente inferiore della durata della batteria del dispositivo rispetto, ad esempio, al mio precedente Tom Tom Spark 3 (recensito in questo nostro altro articolo). In quanto tempo mi sarei ritrovato con la batteria scarica? In realtà la sua durata, con tutte le funzioni attive e con diverse attività svolte durante la settimana, arriva tranquillamente a 7 giorni.

Comandi molto intuitivi e, come dicevo, grande sensibilità mi hanno portato a rivalutare decisamente il touch screen, arrivando a considerarlo un grande valore aggiunto.

Dal punto di vista delle attività che offre ce ne sono diverse, sia indoor che outdoor. Essendo impermeabile può inoltre monitorare il nuoto in piscina e altri sport acquatici.

Non solo fitness

Garmin Vivoactive 3

Essendo comunque dedicato al fitness, Garmin Vivoactive 3 non si dimentica di integrare diverse funzioni smart.

Inizialmente convinto fermamente della loro inutilità, mi sono poi visto costretto a ricredermi in diverse situazioni. Infatti, anche se sembra cosa da poco, poter visualizzare le notifiche direttamente al polso (anche senza poter rispondere) può essere di grande utilità. Ad esempio, al lavoro o durante una qualsiasi riunione è molto più discreto osservare una notifica al polso piuttosto che estrarre il telefono. In questo modo, si possono ignorare messaggi, WhatsApp ed e-mail inutili, senza rischiare di perdere una qualche comunicazione, invece, importante.

Non solo fitness, quindi. Ma molto smart anche per il controllo della musica sul telefono, app installabili e aggiornate una volta che l’orologio si connette con il telefono tramite bluetooth.

“Ma cosi va a finire che mi trovo con la batteria scarica” è quello che potrebbe pensare qualcuno. In realtà, la durata della batteria tenendo l’orologio connesso costantemente si riduce al massimo a 4/5 giorni, comunque molto di più della maggior parte degli smart watch.

Garmin VIvoactive 3: per chi è adatto?

Eccomi infine a tirare le somme di quello che penso di questo fitness watch. Per chi è adatto?

Garmin Vivoactive 3 è decisamente adatto a chiunque voglia praticare sport e sia amante della tecnologia. In questo modo, con un costo non eccessivo, potrà permettersi un dispositivo di alta fascia. Se appartieni a questa categoria, puoi acquistare il tuo Garmin Vivoactive 3 qui. Inoltre, qui potete trovare la versione Music, in cui l’orologio è dotato di riproduttore musicale integrato e memoria aggiuntiva per poter ascoltare la musica salvata sullo stesso. Se invece volete provare la versione Vivoactive 4 (più nuova ma anche più costosa) vi rimando a questo link.

Garmin Vivoactive 3

Menù delle attività: queste e moltre altre possono essere monitorate da Garmin Vivoactive 3

Non è adatto, invece, a chi richiede qualcosa di più, a sportivi più esigenti. Nel dettaglio: non avendo il nuoto in acque libere e il triathlon, non si presta agli sportivi che praticano queste discipline. Per queste funzioni è necessario andare su un dispositivo che offra più possibilità, ma il prezzo tenderà a lievitare anche di molto (se non moltissimo per i veri top di gamma). Fra questi, Garmin Fenix 5 e Fenix 6.

Infine, se in realtà volete qualcosa di performante ma non necessitate di funzioni smart particolari. Oppure se il touch screen proprio non vi va giù, allora vi consiglio di valutare altri modelli, come il Garmin Forerunner 235, di cui vi abbiamo già parlato in questo articolo.

E voi? Siete sportivi? E quanto? Acquisterete o già siete possessori di un fitness watch? Ditecelo nei commenti!

Pagella finale
Praticità
9
Usabilità
8
Manutenzione
8
Durata Batteria
8
Funzioni Sport
8
Funzioni Smart
8
Visibilità Schermo
10
Ciao a tutti! Sono Andrea Scinetti, dottore in ingegneria informatica presso il Politecnico di Milano. Tecnologia, Lettura, Viaggi e Sport sono le mie passioni. Benvenuti su Ranieri’s Desk!

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Please enter your name here