Bioimpedenziometria: a cosa serve e perché è utile

0
664

La BIA (Bioelectrical Impedence Analysis) è un test di classe medica, tra i più avanzati in questo ambito, che ti consentirà di monitorare esattamente (con i relativi limiti) i tuoi progressi di allenamento. Nessuno specchio o bilancia potrebbe essere migliore nel farlo. Scopriamo insieme perché la bioimpedenziometria funziona!

Dove posso fare il test?

Questo è uno strumento incredibile che richiede uno specialista per usarlo. Non è qualche cosa che è possibile acquistare al supermercato, schiacciare qualche bottone e attendere il risultato.

La macchina, a seconda del modello, costa circa 3000-5000 euro. Potresti essere una sorta di “figlio di papà” per comprarne alcuni, ma dovrai comunque frequentare un corso di formazione speciale per usarlo.

Puoi facilmente contattare un professionista che richiede informazioni nella tua palestra o in un centro sportivo medico vicino a te. Per una singola analisi pagherai circa 50 euro. Sembra molto, ma posso assicurarti che è il miglior investimento che puoi fare su te stesso.

Come funziona la BIA?

La bioimpedenziometria non è basata su qualche tipo di trucco magico, né ti dà un numero casuale solo per farti più felice dei tuoi progressi. Anzi.

Si basa sul principio che tutte le strutture biologiche sono condrocutive, semiconduttive o isolanti. Le soluzioni intracellulari ed extracellulari sono buone conduttive, invece di ossa e grasso similari ad isolanti.

Semplificando: è possibile misurare l’impedenza della corrente sinusoidale (400/800 micro Ampere). Quella corrente può essere mono o multi frequenza, ognuno con alcuni pro e contro.

  • Multi frequenza: misura l’impedenza di molti tipi di corrente applicata al corpo. Ti dà solo approssimazioni numeriche. È utilizzabile su una persona ben idratata e in perfetto stato di nutrizione.
  • Monofrequenza: viene usata solo una frequenza. Usa un algoritmo più complesso che può stimare meglio la tua idratazione e applicare correzioni. Per questo motivo può essere usato anche con persone con un livello di idratazione alterato.

…quindi sembra che BIA monofrequenza sia meglio. Ma esattamente perché? E’ stato ampiamente dimostrato che la migliore frequenza che viaggia lungo tutto il nostro corpo (= migliore precisione) è intorno ai 49-51 kHz. Quindi non è necessario usare più frequenze.

In piedi o sdraiato?

Dobbiamo dire che questo tipo di misura non è solo implementata in quei dispositivi medici super-duper e costosi, ma anche in quasi tutte le moderne bilance pesa persone. Ma presto capirai perché questa misura è totalmente inutilizzabile.

  • Le misure in ortostatismo sono più semplici, ma utilizzano principalmente la frequenza multipla. Inoltre l’acqua nel nostro corpo si distribuirà secondo gravità in un modo da invalidare la misurazione.
  • la misurazione in clinostatismo può essere effettuata con frequenze multi o mono (dipende dalla macchina scelta). Le misure sono più accurate e possono essere ripetute più e più volte. Sono riportate anche nelle linee guida ESPEN come metodiche da utilizzare.

Ovviamente non è così semplice. Ci sono molti altri parametri che ho intenzionalmente omesso perché si tratta di materiale tecnico (per citarne solo alcuni: resistenza, reattanza, angolo di fase,…).

Una utile slide che spiega sinteticamente il funzionamento base della bioimpedenziometria.

Come si effettua la misurazione

La persona che è disposta ad essere …analizzata (sembra spaventosa ma non lo è!) si stende su un lettino, con le gambe e le braccia staccate dal corpo.

Ogni volta, per una singola misura, 4 elettrodi vengono posizionati sulla pelle in questo modo:

  • 2 sulla mano destra (sopra i metacarpi);
  • 2 sul piede destro (sui metatarsi) alla distanza di circa 5 cm l’uno dall’altro .

Si collega il dispositivo ad essi, poi l’operatore avvierà le analisi che durerà meno di un minuto …e voilà!

Molti fattori possono influenzare il risultato del test, ad esempio: distanza tra gli elettrodi, la loro qualità, lo sporco sulla pelle, la posizione delle braccia e delle gambe, l’età del soggetto (bambino/adulto/anziano), la temperatura e così via.

Ma ora, che si fa con i risultati in mano?

Dove posizionare gli elettrodi per fare una bioimpedenziometria.

Che cosa dice “esattamente” la BIA

È semplice.

La BIA ti fornisce un’approssimazione di come massa grassa (FM), massa muscolare (FFM), massa cellulare (BCM), acqua corporea totale (TBW), ossa, ecc…

Ti dà un risultato qualitativo. Non solo uno quantitativo (come la circonferenza addominale del peso).

Usandoli puoi verificare se il tuo allenamento funziona o meno: dopo una sola settimana, infatti, il tuo corpo è cambiato e ora puoi capire facilmente se la tua FM è scesa o è salita. Lo stesso di FFM.

Puoi capire, meglio che stare in piedi di fronte a uno specchio, se stai facendo bene o se l’allenamento è totalmente ineguagliato con il tuo metabolismo.

Puoi capire il tuo metabolismo di base (se è aumentato o no dall’ultima misura) o anche se hai un processo di infiammazione relativamente asintomatico (come la cellulite!).

La BIA fa davvero tutto questo? Decisamente sì.

Conclusioni

Riassumendo ciò che ti ho detto: con esami periodici (ogni volta che cambi la dieta o il piano di allenamento) puoi veramente vedere se stai facendolo bene o male.

Puoi essere molto più a tuo agio con quello che stai facendo. Questo perché se un allenamento specifico ti ha dato buoni risultati, funzionerà bene per il resto della tua vita (non sto parlando di ripetere esattamente gli stessi esercizi, ma della stessa metodologia). Ricordo che dopo 2 mesi di un piano di allenamento, strutturato su 3 giorni di cui 2 canonici con i pesi e uno di functional training, ero peggiorato rispetto a fare la stessa cosa ma con proporzioni invertite.

Ricorderò sempre come in quella occasione il mio personal trainer, che aveva già preparato un piano di allenamento simile a quello stava facendo prima dell’analisi, osservando il peggioramento, lo fece a pezzi.

Se volete avere comunque un’idea di cosa state ottenendo con i vostri duri sacrifici nel non mangiare il sorbetto la sera, senza spendere 50 euro a botta, vi consiglio di dare un’occhiata a questo articolo: plicometro: minima spesa, massima resa!

E tu che ne pensi? Commenta qui sotto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here