Weekend a Venezia!

0
148

Il 14 marzo ho finalmente chiuso la sessione invernale (ovvero quel periodo in cui uno studia fino alla disperazione). Quale idea migliore per staccare dai libri se non quella di farsi un weekend a Venezia con la propria ragazza partendo il giorno dopo?

Confesso che la cosa è stata improvvisata così su due piedi, senza che potessimo avere il tempo di organizzare a dovere uno straccio di valigia (tant’è che alla fine abbiamo deciso di farne a meno!).

Questa è la nostra mini vacanza a Venezia raccontata dal mio punto di vista, ma mi raccomando: leggete anche ciò che ha scritto Nicole, proprio sul suo blog!

Se invece vi siete irrazionalmente impuntati nel emulare questa treshata (siccome a Venezia ci sono più stranieri che italiani) potete leggere direttamente questo altro articolo, sintetico e pratico che potete tenere sotto mano per non diventare pazzi visitando questa magica città.

Il viaggio e l’alloggio

Obiettivo: spendere il meno possibile. Soluzione? Andata in treno e ritorno con Flixibus. Come mai non A/R con il bus? Beh… la verità è che ci è venuto in mente solo dopo aver comprato i biglietti del treno (comunque molto economici) e non potevamo annullare il biglietto.

La bellissima quanto colorata città di Burano (raggiungibile in battello da Venezia!)
Come non fare una foto all’immancabile gondoliere a righe?

Inoltre avevamo pensato di imbottire un valigione pieno di vestiti e cibo giacché Venezia non te la regala nessuno e sapevamo molto bene che avremmo potuto spendere un occhio della testa in banali pranzi e cene.

Lo so, lo so: il Signor Imbruttito si sarebbe vergognato di noi.

Ma che potevamo fare? Con la mentalità e il portafoglio dello studente medio, non potevamo certo evitare di fare i giargiana e prendere il Freccia Argento in classe Premium, magari pernottando in un albergo a 4 stelle e viaggiando con uno zainetto piccino.

Ma allora che caaaa ci siete andati a Venezia se volevate spendere poco?

Caro unico lettore di Ranieri’s Desk: hai ragione!

Però le altre mete erano troppo lontane e monotone ai nostri occhi, oppure non ne valevano la pena per soli 3 giorni. Inoltre io non avevo mai visto Venezia e Nicole vi era stata solo da bambina. Quindi …taaaaak, perfect fit!

E per recuperare terreno: zaino tattico e borsa contenenti esclusivamente ciò di cui avevamo bisogno.

Uno scorcio di Venezia. Questa è solo uno tra i mille

“Mettiti in posa che ti faccio una foto!… metti le gambe così, le mani cosà, guarda di sbieco…”

L’alloggio con AirBnB

Inizialmente abbiamo pensato ad un BnB, poi ci siamo ricreduti e abbiamo ripiegato su AirBnB. Pensavamo infatti che avremmo potuto cucinare qualche volta, risparmiando e investendo il guadagnato in quello che gli stranieri chiamano cicchetti e tapas e che in vero sono aperitivi e tartine.

Forse non era come essere a casa, ok, ma aveva un bagno, un letto e una cucina. Non ci serviva altro.

Io e Nicole che ci prendiamo un momento per rilassarci dopo il viaggio in traghetto che ci ha appena condotti a Burano.

Cosa abbiamo fatto a Venezia

Il primo impatto con la Serenissima

Il primo giorno, dopo un viaggio in treno relativamente comodo visto che non sono riuscito a dormire per recuperare del sonno, è stato come essere in un sogno. Ogni strada era stata sostituita da un canale e ogni macchina da una piccola barca.

Fuori dalla stazione si poteva ammirare uno spettacolo insolito per chi, come me, ne aveva solo sentito parlare: ponti, gondole, canali, turisti e marmo. Ovunque. Riflettendoci, abituato a vedere quadratini di terra qua e la persino a Monza, mi ha davvero disorientato e affascinato allo stesso tempo.

Più camminavamo e più realizzavo che era come se si fosse fermato tutto da diverse centinaia di anni. Ogni centimetro di Venezia è occupato da una struttura che ha almeno mezzo secolo. Tutto era fotogenico, pulito e lussuoso… quasi troppo per certi versi.

La libreria Acqua Alta è una tappa obbligatoria quanto gettonata.
Non ricordo il negozio, ma ve ne sono tanti che vendono oggetti simili. Da perdersi per ore.

Tapas addicted. Fare aperitivo sul canale è una cosa che mi manca.
La mia bellissima e dolce metà sul “Ponte del Chiodo”, Venezia.

Quasi 30km di labirintiche stradine

Non essendoci i mezzi pubblici a portata di mano quanto lo sono le metro a Milano, abbiamo camminato tanto, utilizzando questo pratico elenco (link) che ci eravamo preparati per poter visitare la città senza temporeggiare troppo (anche se abbiamo comunque vagato molto per la città, perdendoci nelle stradine).

Zio, sei vecchio. Usa Google Maps.

…peccato che non funziona proprio bene se le strade sono larghe 2 metri e sei circondato da palazzi. Solamente al ritorno un mio amico mi ha detto dell’esistenza delle comodissime guide Mondadori, fatte davvero molto bene.

23,29€
26,50
disponibile
9 nuovo da 21,39€
1 usato da 17,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
17,00€
20,00
disponibile
8 nuovo da 17,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
21,25€
25,00
disponibile
13 nuovo da 21,25€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 20 Agosto 2019 23:39

Innamorati di Venezia, ma non solo

Le cose che ci hanno colpito sono state davvero molte, troppe per essere elencate. Ogni cosa che vedevamo era un’occasione per fare una foto, cercando di immortalare il momento.

Gelati, canali, aperitivi, ponti, palazzi e mare. Vinto il desiderio di vedere tutto in un giorno e capito che dovevamo goderci la vita, è stato semplice fasi trasportare da Venezia in un viaggio che ho intenzione di rifare e che consiglio a tutti!

Una foto del tramonto di Venezia, piuttosto romantico (infatti abbiamo visto non pochi sposi!)
Sullo sfondo, potete ammirere le coloratissime e tipiche case di Burano. Da vedere!

Abbiamo fatto 1500 foto in 3 giorni di cui il risultato finale è stato essenzialmente il divertimento e non poche foto di canali che, pur essendo noi non bravissimi, ci hanno regalato buone soddisfazioni (merito del paesaggio fotogenico!).

Prossima meta? Ancora non sappiamo, ma abbiamo intenzione di farla in campeggio con una tenda niente male di cui vi parleremo presto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here