Questo Natale sono stato proprio voluto sembrare un super Babbo Natale regalando ad un mio caro amico un Android Wear: sto parlando di Diggro DI07.

Lungi da me dal fare un copia incolla delle specifiche e di tutto il resto: ci sono già le altre recensioni. Piuttosto voglio aggiungere cose che ho notato durante un breve ma intenso periodo di utilizzo.

Anche se tipologie completamente differenti di dispositivi, ho potuto confrontarlo con un Garmin 235 (di cui ho già parlato profusamente in questo altro articolo) (con l’esperienza di un Microsoft Band 2, di un Fitbit Charge HR 2 e di uno Xiaomi).

Le prime impressioni

All’inizio questo Diggro DI07 mi ha stupito: non avevo mai avuto un orologio che fosse in grado di fare le patati… ehm volevo dire guardare video da YouTube e Plex. Avevo al polso un telefono a tutti gli effetti: connettività wi-fi, modalità hotspot, connettività Bluetooth, schermo a colori touch, capacità di chiamare, inviare SMS (e rispondere a qualunque altro messaggio di qualunque applicazione) e connettività 3G; il tutto gestito da una distro di Android 5.1 modificata appositamente per adattarsi al monitor.

Ma vediamo nel dettaglio alcune caratteristiche tecniche di questo Android Watch!

Caratteristiche tecniche Diggro DI07

Audio

La magia mi ha catturato quando ho sentito l’audio uscire da questo orologio. Vorrei scrivere un’esclamazione molto colorita per esprimere l’enorme sorpresa che mi ha investito quando l’ho udito, ma mi trattengo. Sappiate solo che non ha apparenti fori per l’uscita audio, ma il suono è dannatamente chiaro, cristallino e alto.

Non capirete l’esatta posizione dello speaker e io mi sono convinto infine che per suonare così debba essere incorporato nel fondo stesso della cassa in plastica, in modo che questa rappresenti una membrana (scusate la fantasia, ma davvero non si riesce a localizzare e immaginare la posizione della sorgente audio);

Vivavoce

Il vivavoce di questo DIGGRO DI07 è mediocre rispetto alla qualità dello speaker. Tu senti bene, l’altro no. Avvicinandolo alla bocca a meno di 10 cm l’altro sente, ma non in modo cristallino. Abbinandolo a delle buone cuffie con auricolare bluetooth risolvi il problema. In macchina sono piuttosto fiducioso che il tutto scada di qualità. La situazione migliora un po’ se si avvicina molto il dispositivo alla bocca.

Sim dati

Quando ho realizzato che il 70% delle cose che faceva le faceva meglio del mio telefono (dopo 2 giorni di utilizzo) ho capito che dovevo provarlo con la sim. Per la cronaca il mio telefono è un vecchio e obsoleto Microsoft Lumia 640; utilissimo per ricerche vocali mentre si studia!

Dopo un paio di giorni con sim inserita e gestione dei contatti con sms, messanger, WhatsApp ( e chi ne ha più ne metta, ho capito che effettivamente non era poi così molto comodo scrivere su una micro tastiera (non pensate che sia impossibile: se site piuttosto precisini e pazienti dopo un paio di ore ci prendete la mano, ma per qualche tasto rimane comunque la difficoltà intrinseca di schiacciarlo siccome è a bordo del monitor).

Batteria

La batteria dura molto più di quello che ho letto in altre recensioni: confesso, ho fatto uso misto (ovvero wi-fi, musica Bluetooth, qualche video, passi, battito, notifiche, no sim). In questa modalità, utilizzandolo senza Bluetooth, ma come compendio del telefono: la batteria dura tranquillamente 2-3 giorni. Se addirittura non guardate mai nemmeno un video e non ascoltate musica (siccome si possono caricare canzoni sul dispositivo attraverso pc per poi collegarle tramite cuffie wireless) posso scommetterci che più di 3 giorni li fa.

Complice di ciò la comodissima quanto piacevolissima funzione che permette una modalità in cui vengono automaticamente disattivate tutte le cose che fa (compreso touch) e diviene un orologio minimale che però permette di tenere la carica a lungo. Non vi nascondo che quando l’ho scoperto un grosso peso si è levato dalla mia coscienza (ovvero quello che mi portava a pensare che fossi un bardotto ad aver acquistato qualche cosa che fa a mala pena 6 ore, volente o nolente).

GPS

Il GPS è lo stesso che si trova su ogni dispositivo al mondo con la precisione che questo ha, ovvero: +/- 1 metro sul piano orizzontale e +/- 30 cm su quello verticale. Usando il Diggro DI07 parallelamente con il Garmin non ha dato segni di improvvise geo localizzazioni in posti differenti rispetto a quelli in cui ero realmente. Non ho provato a usarlo come navigatore (c’è anche la mappa come da google) perché i comandi sono piuttosto difficili da usare. Ciò non toglie che quando attivi il GPS ti possa dire dove tu sia e per esempio fornirti il meteo.

Diggro DI07: Sport Watch o Smarth Watch?

La precisione dei passi è piuttosto buona (paragonata col mio Garmin in una giornata esempio), alle 11 del mattino (dopo l’usuale percorso per recarmi in università) i passi erano 2300 circa su tutti e 2 gli orologi. Purtroppo però nel pomeriggio qualche cosa deve essersi sballato perché sul Garmin ne ho trovati 3600 vs i 4800 del Diggro DI07. Ho ipotizzato quindi che sovrastimasse o comunque considerasse movimenti di mano che non sono passi (come lo scrivere alla scrivania); per quanto riguarda i battiti… non sono affidabili su variazioni improvvise (come la maggior parte degli orologi che costano anche il doppio, come il mio Garmin 235), buono per allenamenti SST (dove la frequ. rimane stabile nel tempo), anche se io non lo userei MAI per questi scopi: non è uno sport watch!

A chi è interessato realmente ad avere un orologio che sia a prova di bomba, consiglio di leggere l’intere recensione del Garmin: Garmin Forerunner 235: nel 2018 è ancora tra i migliori. Questo Garmin Forerunner 235 ha tenuto forte all’ultima Spartan Race: Spartan Race Maggiora (Italia) 2018: la nostra esperienza!

Un’ alternativa altrettanto valida e molto resistente (che costa anche meno del Garmin) è il TomTom Spark 3, la cui recensione è leggibile qui: TomTom Spark 3: il fitness watch che mancava.

Con alcuni movimenti è possibile persino risvegliare dallo stand-by l’orologio.

Cinturino e comodità

La comodità di questo orologio si avvicina molto a quella del Garmin: qualche volta ho avuto la percezione di non averlo nemmeno al polso. La cassa ha dimensioni in circonferenza paragonabili a ogni altro modello in circolazione, mentre rispetto al Garmin è leggermente più spessa (alta). Questo non ha comunque comportato nessun problema di fastidio.

Se sei abituato a portare un orologio, magari anche in acciaio, allora questo non sarà un fastidioso oggetto da portare sempre con te.

Conclusioni

Cosa poteva essere migliorato

A questo prezzo avrei potuto acquistare probabilmente un modello simile ma con più ram (il processore è lo stesso su tuti questi modelli, a meno che voi non ne compriate uno sotto i 70 euro). Con più ram non laggherebbe in app e giochi pesanti: sul mercato ci sono modelli con 2 gb (questo ne ha solo mezzo gb). Non voglio dire che siano insufficienti, ma vi costringe spesso a controllare che cosa avete aperto per non superare mai le 5-7 finestre aperte (altrimenti lagga).

È dichiarato impermeabile, se non erro IP67, ma vi sconsiglio di immergerlo in acqua. L’ultimo orologio che aveva il mio amico era proprio quel braccialetto cinese da 20 euro, anche quello super mega idrofobo (almeno così avevano dichiarato i produttori).

Diggro DI07 o Samsung Gear S3?

Confrontando Diggro DI07 con un Samsung Gear S3 mi sentirei di dire con certezza che la qualità dei materiali è diversa. Questo Android Watch non ha un vetro protettivo contro gli urti.

Sicuramente ciò che credo che cambi di più, parlando terra-terra, è il supporto, l’assistenza che possono fornirti nel qual caso avessi problemi. Questi brandi non affermati hanno infatti il problema di fondo che, in caso di problemi, è più difficile capirne il perché (cercando in rete).

Uno sarebbe un dispositivo con più garanzie, l’altro (il Diggro DI07) probabilmente lo sarebbe un po’ meno. Ma, pur avendo anche io speso 250 euro per diversi orologi, qualche cosina che non andava, l’ho sempre trovata.

Detto questo, passo e chiudo e lascio la parola a voi: se avete domande potete commentare direttamente qui sotto!

6 Commenti

  1. Ciao.. Io ne farei un uso molto “semplice”..
    Leggere messaggi e magari chiamate rapidi… Ma non ho capito se lo consiglieresti o no…
    Anche se cmq non vorrei che la mia scheda Vodafone non funzioni….. 🙄

    • Ciao!
      Hai ragione: dall’articolo non emerge una mia chiara posizione perché è stato rivisto e corretto più volte (mano a mano che l’esperienza si dimostrava a favore o contro questo dispositivo).

      RIASSUMENDO:

      1) Dimentica “cinesate” che tanto sono pubblicizzate come bellissime e utili siccome, a mio giudizio, restituiscono un’esperienza che ti porterà a riporre nel cassetto il dispositivo dopo 1 anno (purtroppo la persona a cui l’ho reglato ha fatto così, ma non la biasimo). Non sto dicendo che siano sufficienti per un uso semplice. Sono letterlamente prodotti che sono venduti da compagnie spesso nate poche settimane prima con l’unico scopo di fare qualche soldo e sparire nel nulla. Le recensioni di questi prodotti sono al 90% fittizzie (lo so perché io stesso ho ricevuto decine di queste proposte). Prodotti come questi https://amzn.to/2NrVbRI sono da evitare.

      2) Dipende dal budget, ma possiamo stratificare l’offerta come segue:
      – fascia 20-30 euro: Xiaomi Mi Band 3 (non ha la sim, ma visualizza ultime notifiche, contapassi, frequenza cardiaca, gps, sonno e ha persino l’opzione di monitoraggio di alcune attività). Da Amazon: https://amzn.to/2xw7Yst
      – fascia 60-70 euro: Xiaomi Amazfit Bip (praticamente come il primo ma con un display migliore e quindi un’esperienza utente migliorata. Anche questo senza sim).
      – fasica 350 euro: Huawei Watch 2 (con 4G, quindi sim. molto costoso ma duraturo. Praticamente le funzionalità sono quelle di un telefono. La differenza lo fa la qualità costruttiva e l’usabilità, ottimizzata in ogni dettaglio). https://amzn.to/2xw9gDP (in alternativa c’è il samsung s3 nella versione con 4g, ma mi pare non sia commercializzato direttamente in italia).

      In sostanza avrai capito che per avere la sim e un dispositivo che non ti deluda devi spendere molto. La mia ultima domanda però che rivolgo a te è: ne vale la pena? Personalmente sono giunto alla conclusione che persino le notifiche sullo smartwatch siano superflue se non in rarissime occasioni. Quello che conta maggiornemtne è la durabilità (che serve mettersi al polso un oggetto magari costoso più del telefono se si rischia di romperlo con un urto – più frequente oltretutto siccome in una zona più esposta) e il supporto del produttore.

      CONCLUDENDO per le necessità che hai tu, non collegato allo sport, starei sui primi due modelli della Xiaomi. Ottima batteria e qualità costruttiva senza rinunciare a nulla. Non lasciarti lusingare da una sim in un braccialetto: non ne hai bisogno!

    • Ciao! No purtroppo necessita di sim inserita per farlo. Ho sentito di utenti che però hanno trovato applicazioni che permettono di fare qualche cosa in più, quando connesso anche a telefono però (in ogni caso non riescono e il risultato non è dei migliori).

LASCIA UNA RISPOSTA

Commenta qui!
Inserisci il tuo nome qui